Progetto Greenomed

Il settore manifatturiero è uno dei maggiori pilastri dell'economia Europea, con un consistente impatto sul benessere degli occupati e sull'ambiente, dal momento che:
• consuma circa il 30% dell’energia prodotta;
• si avvale dell'uso di materiali grezzi e altre risorse naturali per lo svolgimento del processo produttivo;
• produce emissioni ambientali significative.

Pertanto, l'adozione di pratiche green nel settore manifatturiero è diventata una priorità assoluta per le regioni Europee.

La principale sfida da vincere è dunque quella di promuovere lo sviluppo eco-sostenibile tra le PMI operanti nel settore manifatturiero dell’area MED.
In quest’ottica si inserisce il Progetto Greenomed, che prevede una cooperazione trans-regionale nell’area del Mediterraneo, per incentivare l’innovazione in tema di Green Manufacturing.

Budget: € 2.050.000

Data Inizio: Mercoledì, Febbraio 1, 2017

Data Fine: Mercoledì, Luglio 31, 2019

Durata (mesi): 30

Regioni Coinvolte: Auvergne-Rhône-Alphes | Cataluña | Continentalna Hrvatska | Emilia-Romagna | Lazio | Lombardia | Marche | Oberbayern | Central Makedonia | Saxony | Veneto | Western Slovenija | Eastern Slovenija

Obbiettivo: Promuovere gli investimenti delle imprese in innovazione e ricerca, le sinergie tra aziende, centri di ricerca e alta formazione, per lo sviluppo di servizi, il trasferimento di tecnologie, l'innovazione sociale, l’eco-innovazione, le applicazioni nei servizi pubblici.

Greenomed

Il Greenomed è nato con l’obiettivo di:
  • accrescere l’efficienza energetica e l'eco-innovazione nel settore manifatturiero nell'area MED;
  • promuovere il riutilizzo delle risorse e ridurre gli sprechi industriali.

Per raggiungere tali obiettivi, il Greenomed promuove una metodologia comune per costituire progetti pilota, che favoriscano lo sviluppo della manifattura sostenibile in tutte le Regioni coinvolte. La creazione di una rete di progetti pilota richiede l'individuazione di sfide comuni e la mobilitazione di risorse considerevoli. Per questi motivi, le Regioni cooperano tra loro per raggiungere questo obiettivo, in un'ottica di sviluppo della Smart Specialization Strategy. Il Greenomed coinvolge dunque le organizzazioni di supporto alle imprese (Clusters), le PMI, le organizzazioni di ricerca e innovazione, le autorità regionali pubbliche ed il grande pubblico.

Attraverso la costituizione di Progetti Pilota, si intende dar vita ad open facilities, equivalenti fisici o ibridi di una fabbrica, di un impianto di produzione o di un processo, dove le imprese possano:

  • fare R&S;
  • testare nuovi prodotti o processi;
  • promuovere nuovi strumenti e tecnologie non presenti nel mercato;
  • costituire networking;
  • istituire nuove collaborazioni;
  • avere accesso ad un ecosistema strutturato, con competenze multidisciplinari in settori diversi.

Il tutto è funzionale per capire, testare, impostare e implementare tecnologie e metodi innovativi.

I progetti pilota verranno costituiti in un'ottica di Smart Specialization Strategy, grazie allo sviluppo di una metodologia transnazionale, già proposta da Vanguard Initiative, con la quale le Regioni coinvolte adottano un approccio bottom up per definire strategie e sinergie. L'obiettivo finale della metodologia è quello di dar vita ad una rete interconnessa di progetti pilota regionali che sfrutteranno le specializzazioni locali intelligent,i per favorire la diffusione di pratiche di green manufacturing.

risultati attesi che si prevedono di raggiungere con il Greenomed sono:

  • stabilire una metodologia Cluster-governed per implementare la cooperazione trans-regionale ed incentivare il ricorso alla green manufacturing;
  • impostare progetti pilota trans-regionali per favorire l’innovazione in tema di green manufacturing nelle Regioni dell’area MED;
  • stabile un contesto istituzionale che supporti la cooperazione trans-nazionale Clusters-based, per incentivare l’adozione di pratiche green nel settore manifatturiero nelle Regioni dell’area MED.